Archivi categoria: Salute

Abbassare il Colesterolo con la Spirulina

Come abbassare il colesterolo con la spirulina: Cos’è il colesterolo?

abbassare il colesterolo con la spirulina
È una molecola lipidica sterolica, tipica degli organismi animali, in particolare dei vertebrati e quindi anche della specie umana.
Le molecole di colesterolo sono presenti nelle cellule di tutti i tessuti e perciò in tutti gli organi del nostro corpo e nel sangue.
Il colesterolo svolge, insieme con i fosfolipidi, un ruolo biologico importante
poiché partecipa alla struttura del rivestimento citoplasmatico di ogni cellula
come la buccia di un frutto.

abbassare il colesterolo con la spirulina

Nella loro qualità di membrana protettiva le molecole di colesterolo si dispongono allineate tra loro, per offrire al liquido interstiziale il polo idrofilo ed al citoplasma cellulare il polo lipofilo.

In tal modo il rivestimento molecolare di colesterolo ha anche la capacità
funzionale di selezionare gli scambi organici minerali tra ambiente cellulare
esterno ed interno.
In considerazione di quest’importante ruolo biologico del colesterolo, come già
accennato sopra, la natura ha fatto sì che l’80% di questa sostanza sia prodotta
dal fegato (origine endogena del colesterolo) e solo il 20% sia approvvigionata
attraverso il cibo che consumiamo (origine esogena del colesterolo) che
durante la fase di assorbimento comunque è trasportabile al fegato.
Quindi, nato o transitato nel fegato, il colesterolo, attraverso il sangue, deve
essere distribuito ai tessuti, ma, essendo una molecola insolubile, questo
trasporto sarebbe impossibile se non vi fossero dei veicoli organici all’uopo
predisposti.

abbassare il colesterolo con la spirulina

Come abbassare il colesterolo con la spirulina: Come comportarsi
Anzitutto conoscere i fattori di rischio che oltre l’ipercolesterolemia minacciano
la salute del nostro cuore e dei nostri vasi.
• il fumo
• l’obesità
• l’ipertensione arteriosa
• la sedentarietà
• il metabolismo alterato dei carboidrati (iperglicemia –iperinsulinemia)
• lo stress.
Quindi, porre riparo a tutti questi fattori di rischio appena nominati e controllare
i valori ematici del colesterolo e degli altri grassi con una certa frequenza a
partire già dalla giovane età.
Diciamo che per questi controlli non è mai troppo presto

Come abbassare il colesterolo con la spirulina:

La terapia naturale dell’ipercolesterolemia
consigli per l’alimentazione
a) Riduzione delle calorie dei cibi in modo da regolarizzare il peso corporeo
se eccedente;
b) riduzione dell’apporto di colesterolo con gli alimenti, evitando quelli che
ne sono più ricchi (cervello, fegato, interiora, uova intere, cioè incluso il
tuorlo, insaccati, eccetto prosciutto e bresaola, formaggi grassi, condimenti
animali, burro incluso);
c) rallentare l’assorbimento intestinale di colesterolo, consumando pasti
abbastanza ricchi di fibre solubili (25-30 gr. al giorno di pectine e gomme
contenute in frutta e legumi);
d) ridurre l’apporto di grassi saturi contenuti nelle carni rosse, insaccati,
prodotti lattieri caseari, dando la preferenza alle carni bianche tipo petto di
pollo, di tacchino, di struzzo;
e) migliorare il consumo di alimenti contenenti acidi grassi monoinsaturi
come l’olio d’oliva e polinsaturi come gli omega 3 contenuti nel pesce
azzurro, salmoni e sgombri, olio di lino e frutta secca, specie le noci;
È stato dimostrato, infatti, che il consumo di quattro o cinque noci al giorno
riduce sensibilmente la concentrazione ematica di colesterolo LDL;
f) ridurre sensibilmente tutti i carboidrati ad indice glicemico elevato (v.
tabella 3) come zucchero, dolci, gelati soprattutto se consumati a stomaco
vuoto;
g) nei soggetti in sovrappeso ma direi anche in quelli normopeso, è necessario
diminuire il consumo di pane, pasta, riso, polenta e prodotti da forno
che devono essere consumati in misura contenuta, sempre utilizzando
cereali integrali.
A questo riguardo voglio ricordare che la quantità di carboidrati contenuta
in 800 gr. al giorno di verdura e ortaggi e 400 gr. di frutta è già sufficiente
per le esigenze del nostro organismo ed, in più, questi alimenti del regno
vegetale contengono glicidi a basso indice glicemico, molto più salutari;
h) sembra che un bicchiere di vino rosso a ogni pasto non sia dannoso per
capitolo 7: La terapia dell’ipercolesterolemia 25
l’ipercolesterolemia, anzi farebbe aumentare il colesterolo buono. Il vino
rosso, inoltre, conterrebbe antiossidanti che potrebbero essere attivi sulla
placca in via di formazione.
i) attenzione ai prodotti confezionati recanti sull’etichetta “grassi idrogenati”.
Generalmente si tratta di margarine o prodotti da forno, nemici dichiarati
dei grassi polinsaturi;
j) incrementare il consumo di cibi ad alto contenuto di fibre, come la frutta
che contiene fibre idrosolubili molto attive nell’impedire l’assorbimento di
colesterolo; le verdure e gli ortaggi contenenti fibre non idrosolubili ma
molto attive nel promuovere la peristalsi intestinale;
l) migliorare il consumo di cibi contenenti anitossidanti.
Come abbiamo rilevato nel paragrafo dedicato all’aterogenesi, il colesterolo
depositato nella parete endoteliale delle arterie richiama cellule monocitarie
ed in presenza di radicali liberi insorge l’infiammazione localizzata che porta
alla formazione della placca. Per questo motivo il consumo di antiossidanti
nel corso della giornata, anche fuori pasto costituisce un buon rimedio
per limitare la formazione di placche endoarteriose. I cibi che contengono
antiossidanti sono la frutta, se mangiata con tutta la buccia, e le verdure, se
consumate crude o al massimo cucinate al vapore.

Come abbassare il colesterolo con la spirulina:

12 alimenti per abbassare il colesterolo:

1. Avena

2. Vino Rosso

3. Salmone Fresco

4. Noci

5. Fagioli

6. Tè (nero)

7. Cioccolato (nero, cacao 70%)

8. Margarina

9. Spinaci

10. Avocado

11. Aglio

12. Olio d’Oliva

 

Come abbassare il colesterolo con la spirulina:

Domande e risposte
1) Che cosa è il colesterolo?
È un grasso necessario per la costruzione delle pareti delle nostre cellule e per
la sintesi di alcuni ormoni.
Introdotto con il cibo e prodotto dal fegato, esso è smistato in tutto il corpo
attraverso le lipoproteine.
2) Cosa sono le lipoproteine?
Sono i veicoli attraverso cui il fegato trasferisce il colesterolo ai tessuti e agli
altri organi (lipoproteine LDL) e le particelle attraverso le quali è trasportato il
colesterolo non utilizzato dai tessuti al fegato (lipoproteine HDL).
3) Come sono fatte le lipoproteine?
Sono particelle sferiche che hanno un polo idrofilo, utile per gli scambi con
l’ambiente acquoso di plasma e liquido interstiziale, ed un polo interno idrofobo
dove risiedono trigliceridi e colesterolo.
4) Quale è il significato delle diverse lipoproteine?
Le LDL e le VLDL sono dotate di bassa densità, pertanto captano o rilasciano
facilmente il colesterolo e lo trasportano dal fegato in periferia, costituendo
i veicoli d’andata. Le lipoproteine HDL captano il colesterolo circolante
nel sangue o già infisso nelle pareti delle arterie e le trasportano al fegato,
svolgendo, quindi, una mansione di pulizia delle arterie.
5) Cosa è la placca atereomasica?
Le LDL, se rimangono a lungo nel circolo ematico, senza scaricare il loro
bagaglio di colesterolo, si fissano nell’endotelio vasale, subiscono un processo
infiammatorio provocato dai radicali liberi; quindi s’infiltrano nelle pareti delle
arterie dove si formano cellule schiumose che danno origine alla placca.
42
6) Cosa significa colesterolo cattivo e quello buono?
Il colesterolo cattivo è quello che viaggia con le LDL e perciò ha tendenza a
penetrare nelle pareti arteriose; il colesterolo buono è quello HDL che pulisce il
sangue e trasporta il colesterolo dai tessuti al fegato.
7) Cosa sono i trigliceridi?
Sono molecole di grasso presenti in tutti i cibi di origine animale, soprattutto
se vertebrati.
L’organismo umano in parte li riceve attraverso gli alimenti e in parte li sintetizza
autonomamente a partire da altri nutrienti, come carboidrati e protidi.
Se vi è bisogno di calorie i trigliceridi sono subito bruciati producendo 9 kcal
per grammo di sostanza.
Se non vi è quest’esigenza i trigliceridi sono immagazzinati nelle cellule adipose
dei nostri pannicoli grassi. Essi costituiscono grasso di riserva di rapido
consumo quando l’organismo è privo di materiale organico combustibile di
origine alimentare.
8) I trigliceridi elevati nel sangue sono pericolosi?
Premettiamo che i trigliceridi elevati nel sangue sono quasi sempre espressione
di una persona che si nutre con abbondanza di alimenti in prevalenza di origine
animale.
La risposta alla domanda è assolutamente affermativa sia per il rischio
cardiovascolare sia per il diabete.
Nella mia attività professionale non ho mai visto un paziente con
un’ipertrigliceridemia elevata cavarsela senza andare incontro ad un diabete
di tipo II.
9) È possibile regolarizzare la colesterolemia e la
trigliceridemia?
In una buona percentuale di casi la risposta è positiva, soprattutto per quello
che riguarda l’ipertrigliceridemia. Tutto ciò è possibile al giorno d’oggi se i
pazienti seguono i consigli del medico: mi riferisco alla dieta, all’attività fisica,
e all’uso degli integratori e delle statine.
10) Quali sono i valori di colesterolo più pericolosi?
Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti i valori normali del colesterolo
Conclusioni
Conclusioni 43
sono sotto i 200 mg/dl. Se parliamo di pericolosità della colesterolemia
dobbiamo prendere in esame le concentrazioni di lipoproteine HDL rispetto a
quelle LDL. In altre parole dobbiamo controllare se l’indice di rischio coronarico
è inferiore a 4.5 nelle donne e a 5 nell’uomo.
11) È possibile prevedere il rischio di patologie coronariche
correlate al colesterolo?
Se nella famiglia vi sono casi di ipercolesterolemia e di infarto, è possibile
prevedere ma non facilmente prevenire l’angiosclerosi coronarica da
colesterolo. In ogni caso la prevenzione si basa sul controllo plasmatico
periodico degli esami riportati nella tabella 1 e nella tabella 2 ed, ovviamente, la
terapia immediata in caso di esubero della colesterolemia soprattutto CLDL. In
ogni caso, nella prevenzione dobbiamo tenere anche presente fattori rischiosi
come l’obesità, il diabete, la sedentarietà, lo stress quotidiano, l’alimentazione
sbagliata ecc. e ultimo ma non meno grave il fumo.

Alga Spirulina il superalimento!

abbassare il colesterolo con la spirulina

E’ una delle più antiche forme viventi esistenti, si tratta di una microalga verde azzurra d’acqua dolce.

Il suo colore verde bluastro è dovuto ai coloranti vegetali, come la clorofilla (verde), la policianina (blu) e i carotenoidi (giallo). È stato calcolato che grazie al suo altissimo contenuto proteico produce venti volte la quantità proteica di una coltivazione di soia di pari dimensioni.

E’ ricchissima di ferro, potassio e vitamina A. E’ fonte di sostanze antiossidanti per l’invecchiamento, in particolare quello cerebrale. Non a caso è stata studiata a lungo da chi si occupa di disturbi degenerativi delle cellulare del cervello. Inoltre è un ottimo mezzo per contrastare la produzione di radicali liberi.

E’ un eccellente ricostituente per anziani, bambini, vegetariani, studenti e atleti.

Si tratta di una fonte proteica povera di grassi e priva di colesterolo, una buona fonte di betacarotene e GLA, dagli effetti positivi sull’apparato neuromuscolare.

Super integratore per chi deve perdere peso, dal momento che riduce l’assorbimento dei grassi e integra con preziose vitamine e minerali.

Aiuta a ridurre il colesterolo e rinforza il sistema immunitario velocizzando la guarigione delle ferite. È un’ottima fonte proteica povera di grassi e priva dicolesterolo. Può attenuare anche gli effetti distruttivi dell’esposizione ai raggi x.

VALORI NUTRIZIONALI

La Spirulina è chiamata “superalimentopoiché il suo profilo nutrizionale è più potente di qualsiasi altro alimento, pianta, grano o erba.

Proteine: 3 volte più alto del manzo, pesce o maiale .

Minerali: calcio, potassio, magnesio, zinco e fosforo.

Fibre: 4 volte più alto della farina o del grano.

Beta Carotene: 5 volte più alto delle carote e 40 volte più alto degli spinaci.

Clorofilla: più di 20 volte del grano.

Calcio: 10 volte più alto del latte.

Ferro: 65 volte più alto degli spinaci.

abbassare il colesterolo con la spirulina

VITAMINE CONTENUTE

B1: regola il glucosio nel sangue.

B2: per gli occhi.

B6: aiuta l’ assimilazione delle proteine

B12: necessaria allo sviluppo dei globuli rossi.

E : per lasalute del cuore e del sistema vascolare.

Niacina: abbassa efficacemente il colesterolo, è essenziale per la salute mentale.

MINERALI

Calcio: (70mg/10g) essenziale per la salute dei denti e delle ossa.

Ferro: (10-15 mg/10g) ottimo per contrastare l’anemia.

Zinco: (0,3mg/10g) agisce sul funzionamento della prostata e aumenta la velocità di guarigione delle ferite.

Manganese: (0,5 mg/10g) aiuta a regolarizzare il livello di zuccheri nel sangue.

Selenio: (10mg /10g) aumenta l’efficienza cardiaca.

Fosforo: (80mg/10g) contribuisce alla salute delle ossa.

Potassio: (140 mg/10g) ottimizza l’efficienza muscolare e cardiaca.

PARTICOLARMENTE INDICATO PER:

Ipercolesterolemia:

grazie all’alto contenuto di acidi grassi insaturi agevola

l’eliminazione di quelli insaturi.

Anemia:

grazie all’alto contenuto di ferro e al contenuto delle vitamine ( E e B12) che ne aiutano l’assimilazione.

Convalescenza:

ottima per aiutare il recupero delle energie nei convalescenti grazi al suo altissimo contenuto di sostanze estremamente nutrienti, inoltre agevola la guarigione.

Dieta vegetariana:

visto che si tratta di un integratore completo di vitamine e minerali. Inoltre è un’ottima fonte proteica.

Gravidanza:

in quanto ricca di nutrienti, ma prima di assumerla consultare il proprio medico. …inoltre è indicata in caso di:

Acne:

aiuta la normalizzazione dell’azione delle ghiandole sebacee, grazie al

contenuto di vitamina A.

Problemi cutanei:

contiene molte vitamine importanti per la salute della pelle,

inoltre lo zinco ne agevola i processi rigenerativi.

Circolazione:

indicata in caso di malattie cardiovascolari. aiuta ad evitare la

formazione dei depositi di colesterolo, la vitamina contrasta la sclerosi dei vasi e

sostiene il lavoro del muscolo cardiaco.

Diabete:

può diminuire il fabbisogno di insulina e regola l’appetito.

Dolori mestruali o irregolarità del flusso:

regolarizza il funzionamento

delle ovaie. La vitamina A riduce i dolori premestruali.

Occhi:

grazie al contenuto di vitamina A è indicata per i problemi oculari.

Diete dimagranti:

facilita la perdita di peso se assunta prima dei pasti perché

mitiga il senso di fame ed il suo valore calorico è ridotto.

Sistema immunitario:

la spirulina agisce sul sistema immunitario

rafforzandolo e proteggendo i tessuti dai radicali liberi.

Sportivi:

in quanto ottimo integratore di vitamine, minerali ed è una fonte

proteica ottimale. Inoltre sostiene il funzionamento dell’apparato locomotore e

del sistema circolatorio.

PRODOTTO DA ABBINARE:

La vitamina C è l’aggiunta ideale per completare l’apporto di nutrienti fornito dalla Spirulina. E’ da ritenersi un abbinamento indispensabile per affrontare efficacemente le 5 problematiche principali (sopracitate).

CONSIGLI D’USO

Assumere una media di 4 compresse al giorno, per problematiche di una certaentità è consigliato un ciclo di 3 confezioni. Ciascuna confezione basta per 3 settimane.

CONTROINDICAZIONI

Non vi sono controindicazioni conosciute.

abbassare il colesterolo con la spirulina

Come si utilizza?
Come gia’ detto la Spirulina e’ un alga . 
E’ venduta secca, pronta all’uso o in polvere.
 Essa puo’ essere utilizzata cruda, sbriciolata nell’insalata, sul risotto, aggiunta sulla pasta dopo la cottura. 
Ottima anche nello yogurt o aggiunta nei succhi di frutta e/o verdura centrifugati.
Si puo’ aggiungere ai semi di sesamo ed ottenere un ottimo condimento per ogni cibo salato.
E’ meglio non utilizzarla in cottura per non perderne i valori nutrizionali completi. 
 
Annunci